Ci prepariamo alle professioni del futuro: la 3B della “D.Alighieri” visita il FabLab Pesaro

Comunemente si dice che “non è mai troppo tardi”; in questo caso è certamente più appropriato affermare che “non è mai troppo presto”: infatti a nostro avviso non è troppo presto se i nostri ragazzi già a 13 anni iniziano a sbirciare nel mondo delle professioni future. Gli alunni della nostra 3B hanno avuto l’occasione di poterlo fare da un osservatorio privilegiato, d’eccezione e all’avanguardia nell’impiego delle nuove tecnologie, il FabLab Pesaro.
Il FabLab (dall’inglese “fabrication laboratory” o “faboulous laboratory”) ha sede presso il Centro tecnologico COSMOB di Montelabbate e vanta competenze e strumenti all’avanguardia per la progettazione, e la prototipazione digitale di prodotti  innovativi: stampanti 3D, frese di precisione, macchine per il taglio di vinile e cartoncino, macchina da taglio laser;.
Ci ha accolti e guidato nella visita il LAB Manager, Dott. Christian Gabbani, che ha illustrato con chiarezza e semplicità le attività che si svolgono all’interno di COSMOB, e in particolare nel FabLab, rispondendo pazientemente alle domande di ragazzi e docenti accompagnatori. Ha innanzitutto illustrato le fasi che segnano la nascita di un nuovo prodotto, dall’idea, passando poi per la progettazione, la prototipazione e giungendo infine alla produzione finale; un percorso mai lineare ma segnato da iterazioni, prove, fallimenti, modifiche e ripensamenti spesso profondi.
Siamo stati quindi guidati all’interno del laboratorio di test dei prodotti di arredamento: qui si verifica la conformità agli standard di legge prima della immissione dei prodotti sul mercato. Perciò si eseguono prove meccaniche di resistenza e stress su materiali e strutture, verifiche sulle emissioni chimiche dei materiali usati e test di invecchiamento accelerato.
Quindi nel FabLab i ragazzi  hanno potuto osservare la programmazione e il funzionamento di una stampante 3D. E’ questo uno strumento rivoluzionario che, grazie e tecniche digitali, è in grado di produrre in modo immediato ed economico i prototipi di un nuovo progetto. Ma anche oggetti che mai sarebbe possibile realizzare usando le tecniche tradizionali, come ad esempio una versione 2.0 dell’ antica clessidra,, braccialetti formati da piccoli elementi i cui incastri sono modellati direttamente in fase di stampa, ingranaggi modellati in una singola stampata e perfettamente funzionali,, oppure oggetti d’arte come il modello della testa di Rossini!
E’ stata insomma una visita che ci ha spalancato un mondo di possibilità, soprattutto quella di dar sfogo alla fantasia e creatività dei ragazzi in modo semplice, divertente, economico, tecnologico e … concreto!
Grazie ancora  per averci ospitato e … a presto!